La morte in culla, prevenzione e cause

La SIDS “ Sindrome Improvvisa Dalla Morte del Lattante” purtroppo è un fenomeno che può capitare ed è una sindrome che non da segnali premonitori.

Sono stati fatti numerosi studi per cercare di capirne la causa e cercare quindi cosi di prevenirla.

Questi studi non hanno dato risposte certe e sicure sulle cause ma sembra che sia correlata ad anomalie delle funzioni respiratorie e cardiache. Sono poi stati riscontrati anche fattori comuni nei neonati in cui essa si è presentata che hanno forse inciso maggiormente, ovvero l’ esposizione al fumo passivo e il dormire a pancia in giù.

Il dormire a pancia in giù, una volta consigliato dai medici, ora è severamente sconsigliato in quanto questa posizione creerebbe un microclima satura di anidride carbonica intorno la bocca del bambino creando cosi una grave difficoltà a respirare ossigeno. Inoltre dormendo a pancia in giù c’è la possibilità che un rigurgito venga aspirato creando cosi soffocamento.

Pensate che solo in America nell’ anno in cui è questi studi hanno fatto cominciare la campagna d’ informazione sul dormire a pancia in giù la morte SIDS è diminuita del 38 %. successivamente la campagna è stata estesa al tutto il mondo diminuendo cosi il tasso di mortalità infantile.

Ci sono anche altre precauzioni:

  • non fumare in gravidanza
  • non esporre il bimbo al fumo passivo
  • allattare al seno
  • non coprire troppo il bimbo
  • la temperatura della stanza deve essere intorno i 18-20 gradi
  • non usare materassi e cuscini troppo morbidi e alti
  • tenere la culla nella stanza matrimoniale almeno per i primi mesi
  • non farlo dormire con collane addosso
  • lasciarli il ciuccio mentre dorme se lo gradisce

Lo sappiamo, questa eventualità spaventa molto ma cerchiamo di vivere nella serenità e di goderci appieno la maternità e la nuova vita, cerchiamo di seguire questi piccoli accorgimenti cosi che il nostro stato d’ animo sia dei migliori per affrontare con il sorriso il futuro e le gioie di essere genitori.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*