Dare regole ai figli secondo il metodo Montessori

Ed eccoci nuovamente ad affrontare un argomento delicato e che a volte ci mette davvero in crisi. Ovvero le regole.

Non è facile stabilire delle regole e poi farle rispettare. Soprattutto in fasi critiche di crescita come ad esempio i due anni o l’ inizio della scuola primaria.

In nostro aiuto viene un’ altra volta il metodo Montessori che ha dimostrato sempre di più di essere un metodo davvero utile e giusto.

Vediamo prima di tutto le regole basilari.

  • Urlare. Non si deve urlare ai bambini. L’ urlo infatti non fa capire le nostre parole. I momenti di rabbia o di stanchezza possono succedere ma cercate di non urlare. Usate un tono fermo e magari più deciso e alto del solito quando dovete fare dei richiami ma evitate gli urli.
  • Linguaggio. Dovete sempre usare parole che i vostri bambini possano capire. Non potete parlare ad un bambino di 2 anni nella stessa maniera in cui parlereste con un bambino di 10 anni.
  • Coerenza. Una regola è una regola e non dobbiamo trasgredirla. Se la regola vale una volta si e tre no non potete pretendere che poi sia rispettata.
  • Motivare. Dovete sempre spiegare il motivo di una determinata regola. Mai dire si fa cosi perchè lo dico io e stop. Date un senso alla regola.

Le regole come vedete sono poche e semplici.

E se fino ad adesso avete commesso qualche errore? Prima di tutto non demoralizzatevi e siate consapevoli che avete cercato di fare del vostro meglio. Non sentitevi genitori pessimi o altro. Potete ancora rimediare e cambiare affinché la situazione vada in meglio.

Prima di tutto ricordate che essere fermi e decisi non significa:

  • essere giudicati dai figli
  • litigare con i figli
  • perdere l’ amore dei figli

Certo ci saranno volte in cui i vostri figli non capiranno e si arrabbieranno con voi ma durerà poco. Ricordate sempre che lo fate per il loro bene. Imparare a rispettare le regole gli aiuterà nella loro vita e gli aiuterà ad affrontare la vita in maniera migliore.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*