Cellulite: conoscerla a fondo per combatterla al meglio

cellulite conoscerla combatterla

Dall’attrice di Hollywood alla vicina di casa: l’incubo di tutte le donne è da sempre la cellulite ed eliminarla non è uno scherzo. Ci sono alcune, poche elette, che di natura ne hanno poca anche se non fanno nulla e poi ci sono altre che pur ammazzandosi letteralmente di palestra e spendendo fior fior di quattrini in creme ottengono pochi risultati. Insomma un’alimentazione giusta, massaggi, trattamenti specifici ed attività fisica possono aiutare ma chi di ha questa tendenza di costituzione deve farsene una ragione.

La cellulite, del resto, non fa distinzioni: colpisce 9 donne su 10, sia le magre che le rotonde o le obese, e si concentra per lo più su natiche e cosce. Resiste alle diete, agli esercizi e a molti trattamenti ma, come accennato, qualcosa può essere fatto per arginarla e fermarla. Perché i maschi non ne soffrono? Perché essa è legata a doppio filo agli equilibri ormonali. Un problema di cui, dunque, possiamo parlare con nostra madre, con una sorella, con un’amica e persino con la nonna ma mai con gli uomini che proprio non possono capire.

La cellulite è un inestetismo della pelle che si manifesta con il famoso aspetto bucherellato a buccia d’arancia, ma che indica in realtà un problema a livello del tessuto connettivo: in sostanza si tratta di un aumento di volume delle cellule adipose, ovvero di un accumulo di grassi in zone specifiche e circoscritte del corpo come le cosce, i glutei e i fianchi, come potete leggere anche su www.celluliterimedi.eu, che lo spiega in modo esauriente.

Proprio tutte le donne, a conti fatti, ne hanno almeno un po’ in quanto si tratta di uno strato di cellule di grasso, posto sotto la cute e che serve da riserva di energia. Gli estrogeni favoriscono la ritenzione di liquidi e quindi contribuiscono ad innescare un processo di aumento di volume e rottura delle cellule del pannicolo adiposo, che vanno a spandere il loro contenuto di trigliceridi tra le cellule circostanti.

È proprio per questo motivo che gli esperti, per combatterla, consigliano di bere. Sono, infatti, essenzialmente due le concause che, assieme, danno vita a un mix esplosivo: ritenzione idrica e cattiva circolazione. Camminare tanto, fare esercizio e bere non posso dunque che essere attività estremamente positive.

Altre abitudini che non vi aspettereste mai ma non aiutano? Fumo, alcol, caffè proprio perché aumentano la ritenzione idrica e peggiorano la circolazione. C’è un’altra cosa, inaspettata, che non aiuta ed è quella degli indumenti troppo attillati. Essi possono infatti limitare la circolazione, così come il mantenere troppo a lungo posizioni errate come le gambe accavallate.

Detto questo fare esercizio, bere molto, mangiare sano, riducendo al massimo il sale aiuta ma, naturalmente, bisogna essere costanti. Quanto alle creme, insomma, non sono miracolose ma i principi attivi in esse contenuti, uniti al massaggio, aiutano davvero ad attenuarne gli inestetismi, rendendo la pelle più liscia e tonica. Esistono infine tre terapie ma sono davvero soluzioni estreme oltre che molto costose.

Procediamo per ordine di costo e invasività: la pressoterapia (si premono le zone interessate con un’apparecchiatura specifica, per stimolare il drenaggio dei liquidi), la mesoterapia ( piccoli aghi iniettano delle sostanze sottopelle che aiutano ad eliminare i liquidi in eccesso ed a tonificare la pelle), laser (aiuta a drenare i liquidi e favorisce il ripristino della circolazione nelle zone interessate) e la liposuzione (è la

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*