Il cibo che è buono cotto ma non crudo: i motivi della cottura

buono cotto ma non crudo

L’alimentazione è diventata una vera è propria ossessione negli ultimi anni e il crudismo è uno stile di vita che sta prendendo sempre più piede e che consiste nel mangiare cibi crudi, si salta dunque la cottura e se in molti casi questo passaggio saltato è un toccasana per la nostra salute, in altri è un vero e proprio rischio.

Vediamo insieme quali sono gli alimenti che va assolutamente cotto prima di essere ingerito.

  1. La carne di maiale e di pollo

Spesso e volentieri chi decide di intraprendere un percorso crudista lo fa perché prima è stato vegetariano o vegano, pertanto la carne non rappresenta un pericolo, ma ci sono molti altri crudisti onnivori che consumano carne e pesce senza prima cuocerla prima.

La carne di maiale è un alimento che va sempre cotta. Essa contiene infatti parassiti molto potenti che se ingeriti possono dar vita a seri problemi intestinali. La stessa cosa vale per il pollo; la sua carne, infatti è ricca di batteri e si andare incontro a salmonella se non viene cotta bene.

  1. Le uova

Non prendete come esempio gli sportivi, che in maniera del tutto incosciente rischiano ingerendo uova crude e frullate, ricordate solo una cosa: un uovo su 20.000 può contenere la salmonella, una tossina letale.

  1. Le patate

Il tubero più versatile e usato in cucina allieta i nostri pranzi e le nostre cene in modo divertente e gustoso, ma la patata è buona solo cotta. Oltre ad avere un sapore terribile da cruda è una bomba a orologeria per il nostro organismo.

Anche se lavata bene e sbucciata la patata, che si sviluppa sotto terra, conserva batteri pericolosissimi per la nostra salute e ingerita così come nasce, sempre prima ricorrere ai fornelli, è tossica. Elenchiamo di seguito alcuni degli effetti collaterali che si possono avere dopo aver ingerito una patata cruda:

  1. Forti crampi addominali
  2. Bruciore alla gola
  3. Gonfiore e meteorismo causato dall’amido
  4. Mal di testa e vertigini
  5. Nausea e diarrea
  6. Febbre

Alle volte addirittura si può incorrere a problemi neurologici gravi come la paralisi.

  1. Le olive

Siamo abituati a mangiarle spesso crude, soprattutto a casa, eppure è una cattiva abitudine. L’amaro che sentite è l’oleuropeina e per eliminare questa sostanza le olive andrebbero cotte, trattate in salamoia o sotto sale.

  1. Alcune verdure e legumi

 Non è solo una questione di salute, anche di gusto personale. Alcuni tipi di verdure e di legumi, oltre ad essere dannosi se ingeriti crudi, hanno anche un sapore davvero terribile, di seguito un elenco dei peggiori in assoluto:

  1. Cavoletti di Bruxelles
  2. Spinaci
  3. Rape
  4. Rabarbaro (assieme agli spinaci contiene acido ossalico che limita l’assorbimento dei minerali)
  5. Bieta
  6. Broccoli
  7. Fagioli
  8. Indivia
  9. Cicoria
  10. Manioca
  11. Funghi
  12. Cavolfiore

Apriamo una parentesi sui fagioli. Magiare i fagioli crudi, specialmente quelli rossi, causa gravi problemi intestinali. La colpa è della lecita, una tossina presente in molti cibi, soprattutto nei legumi e nei cereali.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*